d

Il Senato della Repubblica celebra Grazia Deledda

Un Nobel che ancora oggi costituisce un grande simbolo di riscatto femminile e un tassello prezioso nel non semplice percorso di libertà, progresso ed emancipazione in un’Italia in cui all’epoca le donne ancora non potevano votare, avevano troppi doveri, troppo pochi diritti e ancora meno opportunità.
Maria Elisabetta Castellati
Presidente del Senato della Repubblica

Il 29 Ottobre 2021, a Roma si è tenuto l’incontro “Grazia Deledda, la donna che non mise limiti alle donne” nell’ambito del vasto programma di celebrazioni promosso dalla Provincia di Nuoro, insieme alla Regione Autonoma della Sardegna, al Comune di Nuoro, al Consorzio Universitario di Nuoro, al Museo MAN e alla Fondazione di Sardegna, in occasione del 150esimo anniversario della nascita della celebre scrittrice nuorese, unica donna italiana ad aver ricevuto il Nobel per la letteratura.

«L’esempio di Grazia Deledda ci offre il miglior antidoto all’indifferenza. Fu capace di anticipare le battaglie di civiltà e di parità di genere oggi centrali nell’agenda politica italiana ed europea». Così l’amministratore straordinario della Provincia di Nuoro, Costantino Tidu, promotore dell’incontro organizzato al Senato della Repubblica, alla presenza della Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati e del Ministro della Cultura Dario Franceschini, in occasione del 150esimo anniversario della nascita della scrittrice barbaricina.

«Abbiamo allestito il più importante progetto mai realizzato in Sardegna, in Italia e nel mondo per celebrare la grandezza di Grazia Deledda, – prosegue Tidu –, con l’obiettivo di arrivare al grande pubblico, in un’ottica di dialogo interculturale e intergenerazionale».

Il convegno di Roma, dopo l’evento di apertura svoltosi lo scorso 28 settembre a Nuoro, è il secondo in ordine di tempo di un ricco programma di appuntamenti messi in campo dal comitato istituzionale guidato dalla Provincia di Nuoro. Il programma, della durata di un anno, si caratterizza per un significativo numero di eventi e appuntamenti itineranti in Italia e all’estero, senza trascurare ovviamente la Sardegna che rimane il cuore pulsante delle celebrazioni.

Nella Sala Capitolare di Palazzo della Minerva l’incontro è stato aperto della Presidente del Senato, che ha sottolineato come «le celebrazioni deleddiane sono un’occasione importante per tornare a riflettere sul percorso di emancipazione femminile». Sulla stessa lunghezza d’onda il senatore Gianni Marilotti, che ha ricordato come la Deledda fosse una profonda conoscitrice dei valori arcaici del matriarcato sardo, sapendosene tuttavia discostare nelle azioni della sua vita.

Tra gli interventi più significativi quello del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna e dei Rettori delle Università di Cagliari e di Sassari. Per Christian Solinas la Deledda «è stata ed è la Sardegna» e fu capace di innalzare l’Isola sulla scena internazionale, attirando l’attenzione dei più grandi intellettuali e scrittori del tempo. Il Presidente ha proseguito affermando che «l’attaccamento della Deledda alle radici, la sua condivisione di un sentimento identitario, il suo sentire collettivo dei Sardi fatto di storia, di tradizioni, di usi e costumi, hanno guidato l’opera della scrittrice, con quella modestia tipica dei grandi intelletti». Francesco Mola e Gavino Mariotti hanno invece richiamato il ruolo dei paesaggi letterari della scrittrice, quali fattori per la valorizzazione dei territori, anche tramite i progetti dei parchi culturali ispirati dall’autrice nuorese.

Il direttore artistico Anthony Muroni ha ricordato come il convegno al Senato della Repubblica rappresenti un momento solenne per ricordare «una scrittrice che nell’Ottocento non accettava il ruolo che alla donna veniva dato, ragione per cui intraprese con coraggio la strada dell’autodeterminazione, proposta anche attraverso le figure femminili presenti nei suoi libri. Il programma di eventi, lungo un anno, ha l’ambizione di portare ovunque questa grande scrittrice che ha anticipato i tempi in un percorso, quello dei diritti al femminile, che non si è ancora concluso».

Gli interventi, intervallati dalle letture di Monica Corimbi e Francesca Grivel, sono stati chiusi dal Ministro alla Cultura, Dario Franceschini, per il quale «Grazia Deledda rappresenta un’emblematica modernità».

Eccezionalmente moderna, bisogna farla scoprire ai giovani.
Grazia Deledda ha dovuto lottare contro pregiudizi e incomprensioni sia in vita che dopo la morte.

DARIO FRANCESCHINI
Ministro della Cultura

Notizie

Dino Manca presenta il libro Grazia Deledda. Dentro l’intimo segreto del grande sogno

Condividici su:

Condividici su:

La figura di Grazia Deledda celebrata in Grecia con un seminario nella sede dell’Istituto Italiano della Cultura di Atene

Condividici su:

Condividici su:

Un film e un libro per il compleanno di Grazia: Nuoro festeggia la scrittrice sarda con gli studenti

Condividici su:

Condividici su:

Spot su Grazia Deledda, i risultati della campagna di marketing applicata al mondo digitale: 1 milione di visualizzazioni in Italia, Spagna, Francia e Germania

Condividici su:

Condividici su:

A Nuoro, il 28 settembre, l’evento finale del progetto “Conoscere Grazia Deledda”

Condividici su:

Condividici su:

Il 28 settembre all’Istituto Ciusa di Nuoro proiezione del film e presentazione del volume su Grazia Deledda

Condividici su:

Condividici su:
Condividici su:

Comments

  • Settembre 16, 2019

    Danny Bennett

    Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqu ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip.

    • Settembre 16, 2019

      Lillian Colden

      Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore es magna aliqu ut enim ad minim veniam quis .

Sorry, the comment form is closed at this time.

Lun ‒ Ven: 09 ‒ 18
Fri ‒ Mon: 09am ‒ 05pm

Adulti: €25
Bambini e Studenti gratis

via Lamarmo
781-562-9355, 781-727-6090

This site is registered on wpml.org as a development site.